Presa d'atto prefettizia

Il FABBRICANTE METRICO è la persona fisica o giuridica che:

a) si assume la responsabilità della conformità dello strumento metrico (per pesare o misurare) ai requisiti indicati dalla normativa specifica;
b) ha adottato tutte le misure necessarie ad assumersi tale responsabilità.

Questa assunzione di responsabilità si compie:

  • realizzando la progettazione tecnica di uno strumento metrico (per pesare o misurare), oppure facendola realizzare a proprio nome;
  • fabbricando uno strumento metrico, oppure facendolo fabbricare a proprio nome;
  • ponendo in commercio, a proprio nome, lo strumento;
  • riparando strumenti metrici nel rispetto dei requisiti indicati nei provvedimenti specifici.

La PRESA D’ATTO è obbligatoria per le imprese che intendono iniziare l'attività di fabbricazione e/o progettazione e/o commercializzazione e/o riparazione di strumenti metrici.

L'interessato deve formulare, sul modulo 1, apposita dichiarazione indirizzata all'ufficio metrico nella quale dichiara il suo intendimento ad iniziare l'attività di fabbricante metrico.

A tale dichiarazione deve allegare:

  • n. 2 targhette recanti il il marchio di fabbrica adottato dall'impresa e l'impronta del punzone con i quali provvederà a sigillare gli strumenti riparati o a contrassegnare gli strumenti metrici prodotti (quest'ultimo caso si verifica solo per i fabbricanti che hanno ottenuto la concessione di conformità metrologica o per quelli che fabbricano strumenti per pesare a funzionamento non automatico in regime di garanzia della produzione CE);
  • n. 1 marca da bollo da 16,00 euro per il rilascio del certificato attestante l’avvenuto deposito del marchio di fabbrica.

Analoga dichiarazione, in bollo, sul modulo 2, deve essere prodotta alla Prefettura per il tramite dell'ufficio metrico, chiedendo contestualmente di provvedere al rilascio della PRESA D’ATTO di tale dichiarazione. Al modello 2 l'interessato dovrà allegare:

  • una marca da bollo da 16,00 euro (necessaria per la Presa d’atto);
  • l’attestazione rilasciata dall’ufficio metrico.

L’Ufficio metrico trasmette alla Prefettura:

  • la dichiarazione in bollo rivolta alla Prefettura;
  • la fotocopia della dichiarazione indirizzata all'Ufficio Metrico;
  • la marca da bollo di euro 16,00 che servirà alla Prefettura per il rilascio della presa d’atto;
  • il certificato rilasciato dall'Ufficio con cui si attesta il ricevimento delle impronte;
  • n. 1 targhetta recante il marchio di fabbrica adottato dall'impresa e l'impronta del punzone.

Presso l'Ufficio metrico viene trattenuta la seguente documentazione:

  • l'originale della dichiarazione al medesimo rivolta;
  • la fotocopia della dichiarazione indirizzata alla Prefettura;
  • la copia della lettera di trasmissione della documentazione alla Prefettura;
  • n. 1 targhetta recante il marchio di fabbrica adottato dall'impresa e l'impronta del punzone;
  • certificato d'iscrizione al Registro Imprese (visura interna).

Pervenuta la PRESA D’ATTO della Prefettura, l’ufficio metrico provvederà a darne notizia all’interessato che, una volta ritirato il provvedimento prefettizio, potrà avviare l’attività di fabbricante e/o riparatore metrico valida su tutto il territorio nazionale.

All’atto del ritiro l’interessato dovrà firmare per ricevuta una copia del provvedimento.
Per consentire la verifica su tutto il territorio nazionale, il provvedimento viene inserito nell’apposito registro informatico Eureka.


VARIAZIONI DI SEDE, SOCIETARIA E/O DI MARCHIO

In caso di trasferimento di sede, il fabbricante comunica per iscritto la variazione all’ufficio metrico. Ogni altra variazione societaria e/o di marchio comporta la formulazione di una nuova dichiarazione.


MODULISTICA

Modulo 1 – Dichiarazione di fabbricazione di strumenti metrici (CCIAA) (file PDF)

Modulo 2 – Dichiarazione di fabbricazione di strumenti metrici (Prefettura) (file PDF)


NORMATIVA DI RIFERIMENTO

R.D. del 12-06-1902 n. 226 - Regolamento per la fabbricazione degli strumenti metrici (estratto) (file PDF)

Ultima modifica: giovedì 15 febbraio 2018

Condividi

Valuta questo sito

Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno
Linee guida di design per i servizi web della PA

CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E TIRRENO

SEDE DI LIVORNO - Piazza del Municipio, 48
Centralino: 0586 231.111

SEDE DI GROSSETO - Via F.lli Cairoli, 10
Centralino: 0564 430.111

Pec: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

ORARIO AL PUBBLICO
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
15:15-16:45 il martedì e il giovedì
Sportello Diritto Annuale
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
Registrazione marchi e brevetti
09:00-12:00 dal lunedì al venerdì
su appuntamento (marchibrevetti@lg.camcom.it, tel. 0586 231.281-289-291 per la sede di Livorno, 0564 430.236 per la sede di Grosseto)

SEDE DI LIVORNO
Orario distribuzione tagliandi sportelli al pubblico: 08:30-12:30 - 15:00-16:30

L'Ufficio Crisi da Sovraindebimento riceve solo su appuntamento (tel. 0586/231308-257; email: occ@lg.camcom.it)

Codice fiscale e Partita Iva: 01838690491

Codice univoco fatturazione elettronica: UFN1JE

Conto Corrente Postale
Numero Conto: 001033828730
IBAN: IT22C0760113900001033828730

Conto Corrente Bancario
IBAN: IT57 F061 6013 9201 0000 0046 078 (BIC: CRFIIT3F)

Il portale della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework