Home » CCIAA Maremma e Tirreno » Servizi » Distretto rurale della Toscana del Sud
Distretto rurale della Toscana del Sud
La Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, in qualità di Soggetto referente del Comitato Promotore del Distretto rurale della Toscana del Sud, sta procedendo con le attività finalizzate a formalizzare l'istanza di riconoscimento del "Distretto rurale della Toscana del sud" alla Regione Toscana e, successivamente in caso di esito positivo, a presentare

al MIPAAF una candidatura in risposta all'Avviso "Avviso recante le caratteristiche, le modalità e le forme per la presentazione delle domande di accesso ai contratti di filiera e di distretto nonché le modalità di erogazione delle agevolazioni di cui al DM. n. 1192 dell’8.01.2016 e al D.M. n. 8254 del 3.8.2016".

 

A tal fine, nelle more dell'istanza di riconoscimento del Distretto da parte della Regione Toscana, la Camera ha parallelamente avviato la raccolta, per la successiva valutazione, dei Progetti proposti dai potenziali Soggetti beneficiari, che avevano presentato la propria candidatura in risposta all’Avviso per la raccolta di manifestazioni di interesse (BURT della RT pubblicato lo scorso 23 agosto). Tali progetti saranno inseriti nel Programma che, unitamente all’Accordo di distretto, sarà presentato al MIPAAF sull’Avviso in scadenza il prossimo 29 gennaio 2018.

 


Di seguito si riportano una serie di FAQ relative ai principali quesiti arrivati dai soggetti interessati

D: L'ALL.3 dell'Avviso chiede, nella sezione Allegati, anche la produzione di un'attestazione (Perizia art. 7.5, lettera e) ma nell'Avviso non è previsto nessun art. 7.5; è un refuso?

R: Si tratta di un errore di scrittura; l'attestazione richiesta è quella prevista al punto 7.4 , lettera e).


D: Un'azienda può presentare direttamente copia degli atti dai quali si desumono i poteri di firma di chi ha sottoscritto la proposta progettuale presentata sull'Avviso, al posto di una delibera del CDA con il quale si autorizza a presentare il progetto?

R: E' opportuno attenersi in maniera "stringente" a quanto previsto dall'Avviso al punto 7.4 lettera i) che prevede "copia della delibera del Consiglio di amministrazione, ove presente, contenente esplicita autorizzazione a presentare il progetto".


D: Come si può sopperire a quanto richiesto nel punto previsto dall'Avviso al punto 7.4 lettera i), nel caso in cui non sia prevista una riunione entro la data di scadenza fissata per la presentazione dei documenti alla Camera di commercio?

R: Si può inviare copia dello statuto, o altra documentazione, dal quale si desumono i poteri di firma da parte di chi presenta il progetto, unitamente ad una dichiarazione dalla quale si evince l'impegno a far ratificare la decisione di presentare il progetto nel primo Consiglio utile, e comunque prima del completamento dell'istruttoria delle schede progettuali funzionale alla presentazione del progetto sul bando del Ministero (presumibilmente non oltre il 10/12 gennaio).
 

D: Qual è la percentuale di contributo erogato nel caso di PMI in Toscana (provincia Siena) per l'acquisto di attrezzature agricole? Sono previsti contributi aggiuntivi in termini % in caso di zone montane svantaggiate?

R: Per qunto riguarda la percentuale di intervento pubblico, le regole sono quelle previste dal PSR della Toscana; la differenza è che in questo caso la percentuale di contributo pubblico per le piccole imprese è del 25%, la differenza fino alla concorrenza massima dell'intervento pubblico, qualora vi fosse questa disponibilità da parte del MIPAAF, verrebbe finanziata con un mutuo della durata massima di anni 15 da cassa depositi e prestiti al tasso dello 0,5%.
Si ricorda che è previsto un autofinanziamento minimo del 25% del costo dell'investimento da parte dell'impresa e, come sul 50% del costo dell'investimento, la ditta debba far ricorso ad un mutuo bancario attraverso le banche "finanziatrici" individuate dal MIPAAF.

Ultima modifica: martedì 12 dicembre 2017

Condividi

Valuta questo sito

Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno
Linee guida di design per i servizi web della PA

CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E TIRRENO

SEDE DI LIVORNO - Piazza del Municipio, 48
Centralino: 0586 231.111

SEDE DI GROSSETO - Via F.lli Cairoli, 10
Centralino: 0564 430.111

Pec: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

ORARIO AL PUBBLICO
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
15:15-16:45 il martedì e il giovedì
Sportello Diritto Annuale
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
Registrazione marchi e brevetti
09:00-12:00 dal lunedì al venerdì
su appuntamento (marchibrevetti@lg.camcom.it, tel. 0586 231.281-289-291 per la sede di Livorno, 0564 430.285-236 per la sede di Grosseto)

SEDE DI LIVORNO
Orario distribuzione tagliandi sportelli al pubblico: 08:30-12:30 - 15:00-16:30

L'Ufficio Crisi da Sovraindebimento riceve solo su appuntamento (tel. 0586/231308-257; email: occ@lg.camcom.it)

Codice fiscale e Partita Iva: 01838690491

Codice univoco fatturazione elettronica: UFN1JE

Conto Corrente Postale
Numero Conto: 001033828730
IBAN: IT22C0760113900001033828730

Conto Corrente Bancario
IBAN: IT57 F061 6013 9201 0000 0046 078 (BIC: CRFIIT3F)

Il portale della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework