Avvio della seconda fase di SISTRI

Il prossimo 3 marzo 2014 è la data di entrata in operatività del SISTRI per i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi.

Dal 1° ottobre 2013, il SISTRI è operativo per i gestori, intermediari e commercianti di rifiuti speciali pericolosi e per i nuovi produttori.

Il D.L. 31 agosto 2013, n. 101 all’art. 11 prevede infatti l’avvio del SISTRI con partenza differenziata per i diversi soggetti obbligati. Il decreto è stato convertito, con modificazioni, nella L. 30 ottobre 2013, n. 125 che, tra l’altro, ha integrato il calendario di attivazione del Sistema, come riportato anche sulla Circolare del Ministero Ambiente e della tutela del territorio e del mare del 31 ottobre 2013, che effettua anche alcune precisazioni riguardo ai soggetti obbligati ad aderire al SISTRI.

- Dal 1 ottobre 2013 l’obbligo di attivazione del SISTRI riguarda:

a) gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale, compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale;

b) gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti speciali pericolosi;

c) i nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi .

- Dal 3 marzo 2014, a meno di eventuali proroghe (la data potrà essere differita, per non oltre sei mesi, con decreto del Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare), è prevista l’attivazione del Sistema per:

a) i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi;

b) enti e imprese che trasportano rifiuti pericolosi da loro stessi prodotti, iscritti all’Albo Gestori Ambientali ai sensi dell’art. 212 comma 8 D. Lgs. 152/2006 e ssmm.ii., nonché i soggetti che trasportano i propri rifiuti pericolosi, con l’iscrizione all’Albo Gestori Ambientali in categoria 5;

c) i Comuni e le imprese che trasportano rifiuti urbani in Campania.


Tutti i produttori, trasportatori e gestori di rifiuti esclusi dall’obbligo di adesione al SISTRI, a decorrere dal 1 ottobre 2013 possono, comunque, aderire al SISTRI su base volontaria.

Sono in vista degli snellimenti, che però difficilmente saranno operativi per la partenza del prossimo 3 marzo, ed in particolare l'esclusione dal SISTRI dei produttori iniziali fino a dieci dipendenti.

Fase sperimentale


La Camera dei Deputati in fase di conversione in legge del D.L. n. 150/2013 (c.d. “Milleproroghe”), ha stabilito un ulteriore allungamento, fino al 31 dicembre 2014, del cd. "doppio binario", ossia del periodo transitorio nell'ambito del quale i soggetti obbligati ad utilizzare il nuovo sistema di controllo dei rifiuti devono al contempo osservare anche le prescrizioni relative al tradizionale tracciamento degli stessi (registri di carico e scarico e formulario di trasporto), godendo parallelamente di una sospensione delle sanzioni relative al SISTRI.

Dal 3 marzo al 31 dicembre 2014 continuano a dover essere utilizzati registri e formulari (di cui agli articoli 188, 189, 190, 193 D. Lgs. 152/2006) parallelamente all’applicazione del SISTRI.

Per lo stesso periodo non trovano applicazione le sanzioni previste dagli articoli 260 bis e 260 ter D. Lgs. 152/2006, relative agli adempimenti del SISTRI, ma si applicano quelle previste per gli adempimenti preesistenti: obblighi di compilazione, tenuta e conservazione dei formulari e dei registri di carico e scarico e dichiarazione annuale MUD entro il 30 aprile 2014 (articoli 188, 189, 190, 193 D. Lgs. 152/2006).

Dal 30 giugno 2014, previa emissione di un decreto ministeriale, partirà la sperimentazione per chi raccoglie e trasporta a titolo professionale rifiuti urbani pericolosi e coloro che trattano, recuperano, smaltiscono, commerciano e intermediano rifiuti urbani pericolosi.

Ultima modifica: giovedì 02 febbraio 2017

Condividi

Valuta questo sito

Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno
Linee guida di design per i servizi web della PA

CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E TIRRENO

SEDE DI LIVORNO - Piazza del Municipio, 48
Centralino: 0586 231.111

SEDE DI GROSSETO - Via F.lli Cairoli, 10
Centralino: 0564 430.111

Pec: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

ORARIO AL PUBBLICO
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
15:15-16:45 il martedì e il giovedì
Sportello Diritto Annuale
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
Registrazione marchi e brevetti
09:00-12:00 dal lunedì al venerdì
su appuntamento (marchibrevetti@lg.camcom.it, tel. 0586 231.281-289-291 per la sede di Livorno, 0564 430.236 per la sede di Grosseto)

SEDE DI LIVORNO
Orario distribuzione tagliandi sportelli al pubblico: 08:30-12:30 - 15:00-16:30

L'Ufficio Crisi da Sovraindebimento riceve solo su appuntamento (tel. 0586/231308-257; email: occ@lg.camcom.it)

Codice fiscale e Partita Iva: 01838690491

Codice univoco fatturazione elettronica: UFN1JE

Conto Corrente Postale
Numero Conto: 001033828730
IBAN: IT22C0760113900001033828730

Conto Corrente Bancario
IBAN: IT57 F061 6013 9201 0000 0046 078 (BIC: CRFIIT3F)

Il portale della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework