Home » CCIAA Maremma e Tirreno » Servizi » Controllo Vini Doc e Docg » Gestione fascette DOCG Suvereto
Gestione fascette DOCG Suvereto

I vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita “Suvereto” devono essere immessi al consumo esclusivamente in bottiglie dei tipi bordolese o borgognona di volume nominale fino a 5 litri con chiusura a tappo di sughero raso bocca e devono essere obbligatoriamente muniti di una fascetta sostitutiva del contrassegno di stato. La fascetta di Stato certifica l’autenticità del prodotto e la sua applicazione sui sistemi di chiusura delle bottiglie ne impedisce la riutilizzazione.

Le aziende che intendono imbottigliare vini D.O.C.G. “Suvereto” devono sottoporre la partita di vino all’esame chimico-fisico ed organolettico e una volta ottenuto il certificato di Idoneità dalla Commissione di Degustazione, acquistare il quantitativo di fascette corrispondente agli ettolitri della partita.

Le partite di vino D.O.C.G. “Suvereto” giudicate idonee devono essere imbottigliate entro 180 giorni dalla data del certificato di idoneità; trascorso tale termine, in assenza di imbottigliamento, la partita dovrà essere nuovamente sottoposta ad esame organolettico.

La distribuzione delle fascette è gestita dalla Struttura di Controllo della Camera della Maremma e del Tirreno.

Le fascette devono essere ritirate dai titolari o legali rappresentanti delle aziende imbottigliatrici, in possesso di codice ICQRF, che provvedono materialmente all’imbottigliamento fino alla concorrenza del quantitativo di vino da contrassegnare di cui è stata richiesta la certificazione di idoneità.

Le fascette sono consegnate dalla Struttura di Controllo della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno previa presentazione del modulo di richiesta fascette vino D.O.C.G. Suvereto e previo pagamento della somma corrispondente al prezzo delle fascette.

In caso di deterioramento, furto, perdita, declassamento della partita di vino, l’azienda imbottigliatrice è obbligata a restituire le fascette alla Struttura di Controllo della Camera della Maremma e del Tirreno. In caso di furto delle fascette l’azienda deve entro 24 ore dall’accertamento del fatto, sporgere denuncia presso una Autorità di Pubblica Sicurezza ed inviare copia della denuncia all’Ufficio ICQRF di Pisa e al Ministero dell’Economia e Finanze –Dipartimento del Tesoro.

E’ assolutamente vietata per le aziende imbottigliatrici, la vendita, la cessione e la distribuzione delle fascette a fronte di vendite, cessioni o qualsiasi altra transazione di partite di vini allo stato sfuso siano essi certificati a D.O.C.G. o atti a divenire a D.O.C.G.

Le aziende imbottigliatrici devono annotare nei registri relativi alle operazioni di imbottigliamento, il riferimento alle fascette utilizzate, assicurando in ogni caso, la rintracciabilità di ciascuna partita di vino a D.O.C.G.
 
Restituzione fascette
La restituzione delle fascette non utilizzate, per ciascuna partita di vino DOCG certificata, è obbligatoria a seguito del verificarsi dei seguenti casi:
1)    Ripresa in carico come vino atto a divenire (con nuova successiva analisi chimico-fisica e organolettica);
2)    Cambio capacità delle bottiglie;
3)    Scadenza dei termini di imbottigliamento (180 giorni dalla data del certificato di idoneità);
4)    Declassamento della partita da DOCG a IGT;
5)    Perdita da operazione di imbottigliamento;
6)    Deterioramento fascette
 
Si ricorda che, ai sensi dell'art. 8 del D.M. 19.4.2011, per ciascuna partita di vino DOCG certificata, quindi non partita di vino imbottigliata, si deve far riferimento sempre all'attestato di idoneità alla D.O. è ammesso uno scarto massimo dell'1,5% tra quantità di fascette ritirate e quantità di confezioni realizzate.
Nel caso in cui, per ragioni oggettive e documentabili, lo scarto superi il limite dell'1,5%, l'azienda imbottigliatrice, entro e non oltre 24 ore dall'accertamento del fatto, deve darne comunicazione scritta all'ICQRF di Pisa e a questo Organismo di Controllo, indicando:

  • la causa del deterioramento
  • i quantitativi di fascette deteriorate
  • la numerazione del quantitativo di fascette deteriorate

Costi 
Costo della fascetta sostitutiva dei contrassegni di Stato: € 0,024 (I.V.A. 22% inclusa). 

Modulistica
Modello per la richiesta della fascette per vino a D.O.C.G. “Suvereto” (file PDF)
Modello per la restituzione delle fascette non utilizzate (file PDF

Ultima modifica: giovedì 20 ottobre 2016

Condividi

Valuta questo sito

Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno
Linee guida di design per i servizi web della PA

CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E TIRRENO

SEDE DI LIVORNO - Piazza del Municipio, 48
Centralino: 0586 231.111

SEDE DI GROSSETO - Via F.lli Cairoli, 10
Centralino: 0564 430.111

Pec: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

ORARIO AL PUBBLICO
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
15:15-16:45 il martedì e il giovedì
Sportello Diritto Annuale
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
Registrazione marchi e brevetti
09:00-12:00 dal lunedì al venerdì
su appuntamento (marchibrevetti@lg.camcom.it, tel. 0586 231.281-289-291 per la sede di Livorno, 0564 430.285-236 per la sede di Grosseto)

SEDE DI LIVORNO
Orario distribuzione tagliandi sportelli al pubblico: 08:30-12:30 - 15:00-16:30

L'Ufficio Crisi da Sovraindebimento riceve solo su appuntamento (tel. 0586/231308-257; email: occ@lg.camcom.it)

Codice fiscale e Partita Iva: 01838690491

Codice univoco fatturazione elettronica: UFN1JE

Conto Corrente Postale
Numero Conto: 001033828730
IBAN: IT22C0760113900001033828730

Conto Corrente Bancario
IBAN: IT57 F061 6013 9201 0000 0046 078 (BIC: CRFIIT3F)

Il portale della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework